Eboli: Si reclutano esperti per valutare incidenza ambientale

La valutazione di incidenza ambientale è un atto previsto dal diritto dell’Unione Europea che ha lo scopo di accertare preventivamente se determinati progetti possano avere incidenza significativa sui Siti di Importanza Comunitari, sulle Zone Speciali di Conservazione e sulle Zone di Protezione Speciale.

Lo scorso 3 ottobre, su proposta dell’Assessore all’Ambiente Nadia La Brocca, è stato approvato il regolamento che disciplina la Vinca. Ed oggi all’albo pretorio viene pubblicata la determina per il reclutamento di tre esperti che dovranno costituire la Commissione per la valutazione di incidenza.

Nadia la Brocca, Assessore all’Ambiente

I requisiti

I tre aspiranti commissari dovranno essere in possesso di Laurea in Scienze Naturali, Scienze Forestali, Scienze Agrarie, Scienze Ambientali o Scienze Biologiche.  Fondamentale è comprovare l’esperienza maturata. I commissari, che dovranno presentare un curriculum che attesti l’esperienza maturata nel settore, dureranno in carica tre anni e saranno nominati dal sindaco.

L’acronimo VIncA sta per Valutazione di Incidenza Ambientale, termine con cui si indica una specifica procedura valutativa che ha lo scopo di tutelare l’integrità dei siti naturali dagli effetti dell’opera dell’uomo. Si tratta di una procedura introdotta per la prima volta dall’articolo 6 comma 3 della Direttiva 92/43/CEE, con il nome di Direttiva Habitat, a cui sono sottoposte tutte le attività da apportare ai siti appartenenti alla rete Natura 2000.

La Rete Natura 2000 è lo strumento a servizio della politica dell’Unione Europea che tutela la biodiversità delle specie di flora e fauna nell’ habitat naturale. All’interno della Rete Natura 2000, dunque, vengono classificate tutte le aree con particolare pregio ambientale che vengono denominati “Siti di Importanza Comunitaria”.

La Valutazione di Incidenza Ambientale è obbligatoria per tutti gli interventi che interessano:

siti e aree che fanno parte della Rete Natura 2000; siti e aree che sono stati proposti per entrare a far parte della Rete Natura 2000; interventi esterni che possono avere ripercussioni sugli habitat e sulle specie presenti nei siti.

Categorie

Esplora

Altri articoli

TURISMO SCOLASTICO, BITUS A POMPEI: DAL 31 MARZO AL 3 APRILE LA PRIMA FIERA DEDICATA

La Campania torna capitale del turismo scolastico e dei viaggi didattici con la prima Borsa del Turismo Scolastico e della Didattica (BITUS), in programma dal 31 marzo al 3 aprile nel Real Polverificio Borbonico a Scafati. All’interno del sito, che fa parte del Parco Archeologico di Pompei, è stata attrezzata una superficie di 3500 mq con gli stand di circa 90 espositori per accogliere il pubblico e gli addetti ai lavori.