Elezioni: polemiche per l’arrivo del Ministro Carfagna

Il sindaco di Eboli Mario Conte invita tutti i consiglieri a riunirsi domani mattina, sabato 17 settembre alle ore 12.30, nell’ aula consiliare Isaia Bonavoglia per l’arrivo del Ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Mara Carfagna. Fra una settimana si vota per le elezioni politiche.

All’annuncio, sono seguite le reazioni dell’opposizione

Le dichiarazioni

Francesco Squillante, Pd

«A meno di 10 giorni dalle elezioni il Sindaco invita i Consiglieri Comunali ad incontrare la Ministra Mara Carfagna, candidata alla Camera ed impegnatissima nel suo tour elettorale. Si tratta di un’inequivocabile interferenza nella libera consultazione elettorale, oltre che di una possibile elusione del divieto di propaganda istituzionale per le Pubbliche Amministrazioni sancito dalla legge ed enucleabile dall’art. 97 della Costituzione che sancisce il principio di imparzialità dell’agire amministrativo-scrivono i consiglieri del partito democratico cittadino-. Il Partito Democratico è sgomento per la disinvoltura con cui ancora una volta si mortifica   il rigore istituzionale, le regole democratiche e finanche il buon senso che imporrebbe di non utilizzare la Casa Comunale per le passerelle elettorali».

«Non ci saremo. E’ una passerella dal sapore elettorale – attacca il consigliere di Fratelli d’Italia Damiano Cardiello -. Il ministro viene nella Casa Comunale da candidata, ad una settimana esatta da un avviso di sfratto che riceverà grazie al voto popolare. Se la potevano risparmiare. Noi con il nuovo ministro per il sud di Fratelli d’Italia porteremo risorse vere al mezzogiorno che nulla hanno a che vedere con questi spot elettorali che lasciano il tempo che trovano».

Categorie

Esplora

Altri articoli

CHIUDE IL REPARTO DI CHIRURGIA. IL PRIMARIO E’ MALATO

La chiusura anche temporanea della struttura complessa di chirurgia del polo ospedaliero di Eboli è una ferita inferta al tessuto sociale della nostra città e del nostro territorio. Il reparto di chirurgia riveste un ruolo cardine nella gestione delle urgenze e non si può assistere ad una chiusura con rassegnazione.