Federico Conte: nuova governance per la Valle del Sele

Un’agenda di territorio, che parte dai Comuni, per unire le forze, mettere insieme risorse, progetti e idee, e lanciare un programma complessivo di sviluppo per la Valle del Sele. È l’obiettivo di Agenda del Sele 2022-2027, un confronto politico tra sindaci e rappresentanti istituzionali, promosso dall’associazione “Città del Sele”, che si terrà venerdì 5 agosto, alle ore 19.30, a Eboli, presso il Largo Chiesa San Bartolomeo.  I lavori, moderati dal giornalista Tommaso Siani, direttore del quotidiano “La Città”, saranno aperti dai saluti di Monica Di Gaeta, portavoce dell’Associazione “La Città del Sele”, e introdotti dal Sindaco di Eboli, Mario Conte. 

Parteciperanno i sindaci Franco Alfieri (Capaccio Paestum); Roberto Monaco (Campagna); Francesco Cembalo (Altavilla Silentina); Renato Iosca (Albanella); Renato Briscione (Contursi Terme); Mino Pignata (Oliveto Citra); Antonio Opramolla (Serre); Carmine Cennamo (Postiglione); Cecilia Francese (Battipaglia). Le conclusioni saranno a cura del deputato Conte.

Le dichiarazioni di Federico Conte

“Lavoriamo da tempo – dice il parlamentare – a una connessione tra i Comuni della Valle del Sele per strutturare un progetto comune per il territorio. Il modello del Masterplan della Regione Campania per la rigenerazione e valorizzazione del litorale Salerno Sud è uno schema di riferimento per strutturare quella rete virtuosa che mutua, sul locale, l’idea di progettazione concertata e condivisa che, sul piano nazionale, è alla base del Pnrr. Per la Valle del Sele immaginiamo un modello di sviluppo partecipato, una nuova idea di governance che declini un nuovo paradigma di sviluppo e riconversione, che si interfaccia a una nuova visione di servizi di prossimità, come si configurano anche sui temi della salute, di rigenerazione ambientale, di valorizzazione dei siti culturali per quel turismo lento, della storia e dell’ecologia, che può essere la chiave del futuro.

Naturalmente occorrono investimenti mirati, soprattutto sugli snodi infrastrutturali, sistema viario e dei trasporti, prima di tutto. Pensiamo, ad esempio, alla rilevanza strategica del prolungamento della Tangenziale fino all’aeroporto di Pontecagnano; il raddoppio della strada Salerno – Avellino; il prolungamento dell’Alta capacità ferroviaria da Napoli a Reggio Calabria, il rilancio del progetto originario della metropolitana leggera, da un lato, fino a Fisciano e da lì a Sarno (raccordo circumvesuviana), e dall’altro versante, fino all’aeroporto e a Battipaglia. Il tutto partendo dalle progettualità già in campo, spesso incompiuta, e creando un “laboratorio” capace di confrontarsi con esperienze nazionali e internazionali, di creare sinergie, intercettare nuove risorse. Un modo nuovo di progettare il destino del territorio: una risposta dal basso e di merito alla “politica senza  politica” dei partiti populisti”.

Categorie

Esplora

Altri articoli

VIA ALLA PROGETTAZIONE DEL NUOVO SANTOBONO. OK DALLA CONFERENZA DI SERVIZI

Sorgerà a Ponticelli, su un’area di 85mila metri quadrati il nuovo ospedale pediatrico Santobono. Lo ha stabilito la conferenza di servizi che ha dato il via oggi, alla presenza del Presidente della Giunta Regionale, Vincenzo De Luca; del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi e del direttore generale dell’Aorn Santobono-Pausilipon, Rodolfo Conenna; alla progettazione esecutiva della struttura.