Il Ministero taglia le scuole alla Campania. La Regione annuncia mobilitazione

In relazione a una nota diffusa dagli Uffici del Ministero – con oggetto i dati relativi alle previsioni sugli organici della scuola 2023/2024 – la Regione conferma quanto segnalato al mondo della scuola nel corso della riunione svoltasi la settimana scorsa alla presenza del Presidente Vincenzo De Luca e dell’assessore regionale Lucia Fortini.

A ulteriore e definitiva conferma, si trasmette l’allegato al Decreto Ministeriale 70/2023, relativo agli organici DS 2023/2024, firmato dal Ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara.    

Per la Campania risultano:

–  959 Istituzioni scolastiche;

–  26 sedi sottodimensionate;

–  941 Sedi normodimensionate (con parametri 500/300, per intenderci la vecchia legge di bilancio)

– 865 Sedi normodimensionate (con i parametri vecchi 600/400 – ex art. 19 c. 5, DL 98/2011).

1) Dalla tabella appare evidente il taglio del numero di scuole (si poteva utilizzare il parametro 300/500, come fatto negli ultimi anni). Allo stato, non esiste alcun riferimento normativo o procedurale dell’Europa che, in relazione al Pnrr, preveda tagli del numero di scuole.  

2) Alla Campania spettano almeno 865 autonomie e non 839 come previsto, e anzi quasi “concesso”, dal Ministero.

La Regione conferma dunque la massima attenzione e la mobilitazione annunciata, a difesa della scuola campana.

La regione Campania risulta una delle regioni più colpite dal dimensionamento scolastico ad opera del Ministero.

Categorie

Esplora

Altri articoli

UN CORO DI VOCI PER RACCONTARE LA SOFFERENZA DELL’ ADDIO. DAL CONCORSO LETTERARIO DELL’ASSOCIAZIONE “NOI AMICI DELL’HOSPICE E DELL’OSPEDALE DI EBOLI” NASCE L’ANTOLOGIA “LE PAROLE CHE NON HO DETTO”

Da oggi negli store Feltrinelli di tutta Italia e nelle piattaforme lafeltrinelli.it, su ISBN.it e prestissimo anche su Amazon sarà possibile acquistare il libro “Le parole che non ho detto” una antologia di racconti e poesie degli autori che hanno partecipato, da molte regioni d’Italia, al concorso letterario indetto dall’Associazione “Noi amici dell’Hospice e dell’Ospedale di Eboli”.